Test di centinaia di cose: come svezzare se stessi dal consumo eccessivo

Non è il modo più semplice, ma efficace per smettere di essere schiavo della società moderna.

"Lavoriamo nella merda per comprare merda di cui non abbiamo bisogno." Attraverso le labbra di Tyler Dörden, la verità parla, solo noi, comprendendo tutta l'insensatezza del consumo eccessivo, continuiamo ancora a comprare, comprare, comprare. Sembrerebbe che l'argomento sia già così sconvolto che non ha assolutamente senso parlare di questo. Tuttavia, non esiste ancora una soluzione chiara al problema.

Oggi vi parleremo della tecnica che migliaia di persone hanno testato su se stessi. Molti di loro hanno confermato la sua efficacia, pur rilevando cambiamenti sorprendenti.

Incontra Dave Bruno, un uomo che rifiuta tutti gli ideali di una società di consumo di massa. Le aziende ci dicono che saremo felici di acquistare i loro prodotti, ma le acquisizioni non hanno reso Dave felice. La felicità non è in essa. Non le cose dovrebbero governarci e le nostre vite: noi stessi ci siamo comportati bene fino a quando la pubblicità e il marketing hanno sollevato un paio di generazioni di persone.

Dave è notevole per il fatto che non offre alcune tesi astratte, ma un metodo completamente concreto vestito in una forma semplice e comprensibile.

Una persona non può liberarsi del potere del consumismo finché non cambia il suo atteggiamento nei confronti delle cose.

Bruno cominciò con se stesso. Ha sviluppato il concetto di 100 cose sfida - la regola che ha vissuto per un anno intero con non più di un centinaio di oggetti personali. Altre proprietà "molto importanti" devono essere vendute o altrimenti scomunicate per sempre dal proprietario. Solo in questo modo: 100 cose, non di più. Naturalmente, quando si scelgono gli oggetti con cui vivere per 365 giorni, sono necessarie alcune prenotazioni:

  • L'elenco include solo oggetti personali, cioè quelli che vengono utilizzati esclusivamente dall'utente. Frigorifero, TV e altri utensili domestici per tutta la famiglia non vengono contati.
  • Una collezione di oggetti di valore (una biblioteca di libri rari, francobolli e simili) conta come una cosa.
  • Calze e biancheria intima sono contate come una cosa. T-shirt, camicie, jeans, ecc. - ogni articolo è un oggetto separato.
  • Prima di aggiornare l'elemento dall'elenco, è necessario sbarazzarsi di quello esistente.
  • Per tutto l'anno, la somma forfettaria delle cose non dovrebbe superare i 100 pezzi. Se hai già 100 cose e per un motivo o per un altro sei diventato improvvisamente il proprietario di un altro (ad esempio, sei stato presentato con esso), allora hai esattamente sette giorni per sbarazzartene o qualche altra cosa dalla tua lista.

Sembrava tutto. In caso di qualsiasi situazione controversa, si applica la regola principale: non più di 100 cose in ogni caso.

I benefici di questa tecnica sono avvertiti quasi immediatamente. Nel breve intervallo di tempo, all'improvviso scoprirai quanto spazio c'è nel tuo appartamento e, a lungo termine, le spese saranno notevolmente ridotte.

Dopo la crisi globale del 2008, l'idea di Dave è stata ripresa da migliaia di americani che hanno capito la fragilità del sistema esistente e la futilità degli ideali moderni.

Dave ha superato con successo il test autoimposto. Quando il termine terminò, non voleva più tornare alla schiavitù precedente. Sentiva il potere assoluto e il controllo sulla sua vita. Le cose non lo dominano più, non determinano il suo successo, le azioni, lo stato e le opportunità.

Per coloro che capiscono l'inglese, offriamo un video di Dave su TEDx.

Senti già come l'insaziabile consumatore cresciuto dentro di te esige di scrivere qualcosa nei commenti nello stile di "Assurdità completa, quindi è impossibile vivere!"?

<

Messaggi Popolari